Brando

"Brando la bella, Brando la ricca, Brando la pagana. Puoi viverci un anno e non passare mai due mattine nello stesso tempio, o due notti nello stesso bordello. Ci trovi di tutto, se sai dove cercare. Ah, cosa darei per poterci tornare almeno una volta."
Capitano Robbolo, la sera prima della sua esecuzione, chiacchierando con il carceriere

Cose stabiite

  • Brando è la città più popolosa della regione.
  • È un porto commerciale di notevoli dimensioni
  • Brando è ad un estremo della strada del sale, che la collega alla capitale Masa Cannucapio
  • prima della conquista da parte dei Crivalli, Brando era fieramente indipendente
  • la conquista di Brando, circa un secolo fa, ha costituito il punto di svolta: vinta la città, è stato chiaro come l'ascesa dei Crivalli fosse ormai inarrestabile. La data si fa coincidere con la nascita ufficiale del Regno di Gramaglia
  • Brando, assediata dai Crivalli, si è arresa, riuscendo a strappare accordi molto dignitosi ed evitare spargimenti di sangue eccessivi. La città si è quindi sottomessa ai Crivalli e ha riconosciuto la loro regalità. In cambio Brando ha mantenuto una buona dose di autonomia e autodeterminazione, molto maggiore delle città che non si sono arrese e che sono state conquistate con la forza
  • la città è governata dal consiglio di Brando, che raccoglie mercanti, sacerdoti e figure importanti della politica locale.
  • a Brando c'è il vicerè, che rappresenta il potere della monarchia e comanda un contingente di guardie reali. Ha sostanzialmente il ruolo di cane da guardia (e di esattore delle tasse). È odiatissimo.
  • Brando è la città dei mille dei. Ogni culto (anche quelli più estremi, che prevedono pratiche efferate) sono ammessi in città e possono avere un loro tempio purché "non interferiscano con il benessere della città". Quale sia la linea di confine che separa ciò che è lecito da ciò che è proibito viene stabilito di volta in volta (e avere degli agganci nel consiglio aiuta molto)
  • un'area molto grande è occupata dalla spianata degli Dei, che raccoglie centinaia di idoli di culti politeisti. La spianata attrae tantissimi pellegrini, anche da oltremare, ed è gestita dalla famiglia Del Cancro, molto influente a Brando e ricchissima (anche e soprattutto grazie ai proventi della spianata).
  • a Brando c'è un grande faro, la Stella di Brando, che funge anche da tempio per un qualche culto da definire
  • è il posto migliore per procurasi dell'Ambrosia

Cose da stabilire

  • tutti i link di questa pagina che non portano a niente
  • cose noiose di logistica: quanti abitanti? cosa si commercia?
  • un po' di politica (famiglie di mercanti, personaggi di spicco)
  • il racconto della resa di Brando

Brando

Vene ne1s0n