Culto del Re

Il Culto del Re è la religione ufficiale del Regno di Gramaglia.

DOTTRINA

  • la Crivalli è divina: fintanto che vive, ogni re è considerato incarnazione in spoglie mortali del divino. Al momento della sua morte un re trascende la fisicità e viene assunto in cielo, congiungendosi con i re del passato
  • i defunti re proteggono dall'oltretomba il regno, in perfetto unione di sforzi ed intenti
  • il crescente pantheon di ex-re è presieduto da Francesco Crivalli, fondatore della casata e primo re di Gramaglia
  • la famiglia reale è l'unica vera divinità degna di adorazione. Gli altri culti esistenti sono in errore. I fedeli del re devono astenersi dal praticare rituali e preghiere di altri culti
  • tutti i sudditi devono aderire al culto del re (nota: questa parte è decisamente poco implementata)
  • il re vivente è capo del culto e primo tra i sacerdoti. Solo lui può ufficiare i rituali più importanti

PRODIGI

Nei quasi due secoli di storia del culto, ben diciannove prodigi hanno benedetto alleati e sudditi dei Crivalli, e la sfortuna si è spesso abbatuta sui loro nemici. Si ricordano tutti e sono ricordati e raccontati con grande devozione. Sono la prova tangibile della superiorità del Culto del re. I prodigi si sono concentrati soprattutto nei primi cinquant'anni, periodo di forte espansione, per poi diventare sempre più rarefatti.

SEGRETI

  • il vero fondatore del culto è Fedro Crivallli, che ha avuto un ruolo nella caduta di Gerintia. Durante l'incidente Fedro è stato risucchiato nell'Inframondo assieme al suo laboratorio segreto (che si trovava nella bottega di un bottaio). Da allora Fedro fluttua nell'inframondo, in mezzo alle botti, e aiuta la sua famiglia
  • il fondatore ufficiale del Culto – Francesco Crivalli, primo re – era il fratello maggiore di Fedro.
  • a parte Fedro, nessuno dei Crivalli è trasceso, e i re non hanno poteri divini di per se. Sono però gli unici che possono comunicare direttamente con Fedro
  • la famiglia reale custodisce in gran segreto una riproduzione della bottega del bottaio in cui è rinchiuso Fedro. La riproduzione funge da santuario e aiuta la comunicazione
  • Fedro Crivalli sta lentamente impazzendo, eroso dalla solitudine e dall'inframondo

IDEE & TODO:

  • elencare i diciannove prodigi – in forma di preghiera? racconto in versi?
  • mettere giù gli aspetti pratici del culto (festività, rituali, benedizioni, modi di dire, precetti)
  • e i sacerdoti? chi sono? come si vestono? che privilegi ottengono? e che vincoli?

Culto del Re

Vene ne1s0n